Pin INPS dismesso

Pin INPS dismesso: già da ottobre 2020 ci stiamo congedando da Pin INPS per passare in modo definitivo allo Spid (il sistema pubblico di identità digitale). È stato lo stesso Istituto a comunicarlo con la circolare 87 del 17 luglio 2020. INPS non rilascia più il Codice pin dal 1° ottobre dello scorso anno, ma chi ne è già in possesso da tempo può ancora continuare ad utilizzarlo.

 

Pin INPS dimesso: fino a quando è possibile usarlo? 

Con la circolare n. 95 pubblicata su sito, INPS chiarisce che i PIN già rilasciati alla data del 1° ottobre 2020 e rimasti in vigore nel periodo transitorio, saranno dismessi entro il 30 settembre 2021.

Affrettati quindi a dotarti di SPID, o comunque di credenziali CNS e CIE. INPS ha infatti prorogato al 30 settembre il termine per l’utilizzo del vecchio Pin anche per intermediari e aziende, oltre che per privati cittadini. 

Pin dispositivo per minorenni ed extracomunitari: il PIN dispositivo sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID, come ad esempio i minori di diciotto anni o i soggetti extracomunitari, e per i soli servizi loro dedicati.

Pin INPS dimesso: cos’è lo Spid?

Pin INPS dismesso: si passa allo Spid, vediamo di capire di cosa si tratta.

Lo Spid è un sistema pubblico di identità digitale, che garantisce l’accesso a tutta una serie di servizi offerti dalla Pubblica amministrazione, perché si basa su un riconoscimento dell’identità della persona che lo ottiene.

Se si è residenti in Italia, per ottenerlo occorrono:

  • un indirizzo e-mail
  • il numero di telefono del cellulare normalmente usato
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno)
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale
  • Per richiedere il codice Spid, ogni cittadino può scegliere liberamente uno degli 8 identity provider che consentono di registrarsi sul proprio sito. Basta inserire i propri dati anagrafici, creare le proprie credenziali Spid.

Per conoscere e avviare la procedura di rilascio si può visitare il sito istituzionale a questo link e vedere qual è la modalità di richiesta da uno dei fornitori che si dovrà scegliere (Aruba, Infocert, Intesa, Lepida, Namirial, Tim, Poste, Sielte, SpidItalia).

Possiamo ottenere lo Spid in quattro modi principali:

  • di persona,
  • via internet tramite webcam,
  • via internet tramite Cns/nuova Cie (Carta d’identità elettronica 3.0),
  • via internet tramite firma digitale

Hai già verificato a quali bonus/premialità/indennità hai diritto?

Perdere la Naspi

Perdere la Naspi

Perdere la NaspiPerdere la Naspi: questo il tema su cui molte utenti ci chiedono di fare chiarezza.Molte mamme che hanno richiesto la Naspi, ci chiedono infatti se sia vero che non si ha più diritto alla Naspi se non si accetta di partecipare alle...