Normativa seggiolini auto

La normativa seggiolini auto è disciplinata dall’articolo 172 del Codice della Strada che prevede l’obbligo di utilizzare seggiolini omologati e adeguati al peso per i bambini fino ai 150 centimetri d’altezza.

Cara lettrice, come ben sai, la missione di Sportello Mamme è semplificare la tua vita e quella delle tue colleghe mamme.
Semplificare la vita di una mamma significa anche saperle fornire tutte le informazioni importanti per la sicurezza del suo bimbo.
So bene infatti che la sicurezza del tuo bimbo è in cima alla lista delle priorità e quindi voglio che tu sia consapevole e sempre aggiornata sui migliori strumenti per svolgere il tuo lavoro di mamma.

La sicurezza del tuo bimbo infatti è fortemente collegata anche alla normativa seggiolini auto. Sapevi infatti che nel 2017 sono state stimate circa 100 morti ogni anno a causa del mancato utilizzo di seggiolini auto?

Oggi ti parlo quindi dell’importanza del seggiolino auto e di cosa prevede la normativa seggiolini auto.
Tornando per un momento all’articolo 172 del Codice della Strada,
 si deduce che l’obbligo del seggiolino non ha a che fare con l’età del bimbo, ma esclusivamente con la sua altezza. Le conseguenze per chi non rispetta la norma, oltre che mettere in grave pericolo i propri figli, sono:

  • una pena pecuniaria che va dagli 80 ai 323 euro
  • la decurtazione di 5 punti dalla patente
  • se recidivi, la sospensione per un periodo tra i 15 giorni e i 2 mesi

 

Nel 2017, sono state introdotte nuove norme relativamente all’omologazione dei seggiolini come l’obbligo di rialzi, detti booster, con schienale per bambini fino a 125 centimetri di altezza. 

Ciò che devi assolutamente sapere è che come mamma puoi scegliere il seggiolino auto per il tuo bimbo tra due omologazioni possibili: UN ECE 44-04 e UN ECE R129 (I-Size)

Oltre alla tua auto, anche la tua casa deve essere sicura. Inizia dall’assicurazione!

👉🏻Ricevi gratis il preventivo in 3 minuti 👈🏻

Omologazione UN ECE R44-04 in breve


–  Classificazione dei seggiolini in base al peso e conseguente definizione dei gruppi: 

  • Gruppo 0: peso inferiore a 10 kg. In questo gruppo rientrano le cosiddette navicelle omologate per auto, che permettono al bambino di viaggiare disteso. 
  • Gruppo 0+: peso inferiore a 13 kg. In questo gruppo sono inclusi i cosiddetti “ovetti”, che si agganciano al sedile posteriore sfruttando le cinture di sicurezza dell’auto e deve essere montato in posizione opposta al senso di marcia. Possono essere posizionati anche sul sedile anteriore del passeggero, sempre in senso contrario di marcia, disattivando l’airbag. 
  • Gruppo 1: per bambini tra 9 e 18 kg.
  • Gruppo 2: per bambini tra 15 e 25 kg.
  • Gruppo 3: per bambini tra 22 e 36 kg.
  • Occorre tenere presente che esistono in circolazione modelli che hanno una doppia classificazione: per esempio, un prodotto di classe 0 + 1 va bene per un bimbo fino a 18 Kg; il Gruppo 1/2/3 va bene per un bimbo da 9 a 36 kg.

– Obbligo di trasporto in senso contrario di marcia fino ai 9 kg del bambino

– Protezione contro gli impatti laterali non prevista

 

Omologazione UN ECE R129 (i-Size) in breve

– Classificazione dei seggiolini in base all’altezza

– Obbligo di trasporto in senso contrario di marcia fino ai 15 kg del bambino

– Protezione contro gli impatti laterali prevista

– Agganci Isofix obbligatori

Puoi riconoscere se un seggiolino rispetta i requisiti minimi di sicurezza dalla presenza dell’etichetta in cui sono segnalati anche modello di seggiolino, il gruppo di omologazione e il tipo di omologazione rispetto al tipo di vettura.

 

Normativa seggiolini auto etichetta omologazione, Sportello Mamme

Fonte immagine seggiolinoperauto.info

 

Esistono infatti seggiolini omologati “universal” e che quindi possono essere installati su ogni tipo di vettura, “semiuniversal” e “veicolo specifico”.

Per i seggiolini che riportano la dicitura “semiuniversal”, dovrai consultare l’elenco dei veicoli per i quali sono indicati i diversi modelli. Per i seggiolini che riportano invece la dicitura “veicolo specifico”, è possibile utilizzare solo quello specifico veicolo per il quale il seggiolino è stato testato. 

 Le omologazioni UN ECE R44 01 e UN ECE R44 02 sono oggi fuorilegge.

I SENSORI ANTI ABBANDONO 

Nel 2018 è stato approvato l’obbligo di installare sui seggiolini dispositivi di allarme per prevenire l’abbandono dei bimbi con età inferiore ai quattro anni.

Nella legge di Bilancio 2019 sono stati previsti degli incentivi a supporto. Dovrebbe trattarsi di un incentivo fiscale, appena il quadro sarà più preciso ti fornirò informazioni chiare a riguardo.

CONSIGLI FINALI

In generale, per quanto riguarda il trasporto sicuro del tuo bimbo in auto, devi evitare di:

  • tenere il tuo bimbo tra le braccia
  • utilizzare un seggiolino danneggiato in un incidente
  • dare al tuo bimbo cibi con bastoncini (lecca-lecca o simili) che potrebbero ferirlo in caso di incidente

Devi invece:

  • leggere le istruzioni sui sistemi di sicurezza rilasciate dalla casa costruttrice del veicolo
  • leggere le istruzioni del seggiolini
  • disattivare l’airbag se monti il seggiolino sul sedile anteriore
  • allacciare le cinture del seggiolino
  • usare sempre il seggiolino

Ora che conosci la normativa vigente in materia di seggiolini, non ti resta che conoscere quali sono i migliori modelli di seggiolino auto disponibili sul mercato. Ho appena selezionato i migliori seggiolini omologati I-Size per il tuo bimbo fino a 4 anni di età nell’articolo 

Miglior seggiolino auto: 3 modelli I-Size che dovresti conoscere + il nostro preferito

Oltre alla tua auto, anche la tua casa deve essere sicura. Inizia dall’assicurazione!

👉🏻Ricevi gratis il preventivo in 3 minuti 👈🏻

Hai già verificato a quali bonus/premialità/indennità hai diritto?

Congedo Parentale INPS

Congedo Parentale INPS, cos'è? ll congedo parentale INPS è un periodo di astensione dall’attività lavorativa che si aggiunge a quello obbligatorio di 5 mesi (di cui 2 prima del parto e 3 post), per il quale spetta una copertura economica a carico dell’INPS...

Diritti mamma lavoratrice

Diritti mamma lavoratrice, esistono davvero nel nostro Paese? I diritti mamma lavoratrice sono un tema molto serio. Le neo-mamme ogni anno sono 458 mila e nasce spontanea la domanda: secondo voi questa nostra Italia è un Paese fatto per Maternità e Madri?...