Tra il 20 ed il 25 aprile, è stata effettuata da parte di Inps, la consegna delle prime Card Reddito di Cittadinanza caricate della somma economica prevista dal meccanismo reddito di cittadinanza.

Spetterà a Poste italiane la convocazione dei beneficiari del sussidio, per il ritiro delle card Reddito di cittadinanza caricate del credito mensile previsto. E’ bene ricordare che l’importo delle card non è uguale per tutti, in quanto dipende dalla composizione del nucleo familiare e dall’ISEE attestato a seguito di presentazione di DSU dichiarazione unica sostitutiva.

Gli uffici postali su tutto il territorio nazionale, rilasceranno le card ed il relativo Pin. Non è possibile per i beneficiari avere più di una card che risulterà intestata al richiedente stesso.

Diversamente la pensione di cittadinanza potrà essere erogata in contanti o con l’accredito sul conto corrente, seguendo gli stessi meccanismi di erogazione di una normale pensione.

Come utilizzare le card RdC

La card reddito di cittadinanza è una normalissima e comune card di pagamento elettronico che ogni mese viene automaticamente ricaricata dallo Stato. Tale card può essere adoperata esclusivamente dal titolare. E’ possibile utilizzare il denaro caricato nei seguenti modi:

  •         Per l’acquisto di beni di uso comune, ad esempio in farmacie, supermercati e tutti i negozi abilitati;
  •         Per il pagamento di varie utenze, ad esempio luce e gas;
  •         Per effettuare un solo bonifico mensile per il pagamento relativo al canone di locazione della casa in cui vive il nucleo familiare;
  •         Effettuare un unico bonifico mensile per il pagamento della rata del mutuo della casa in cui vive il nucleo familiare;
  •         Si può prelevare mensilmente una somma di denaro, pari a 100 euro moltiplicati per la scala di equivalenza prevista, in base alla composizione del nucleo familiare.

L’importo erogato dallo Stato che ricarica la card può variare a seguito di variazione di DSU e relativa attestazione ISEE.

Cosa non è possibile fare con la card reddito di cittadinanza

Esistono però una serie di operazioni che non è possibile effettuare con la card reddito di cittadinanza, in quanto non previste dal regolamento stesso.

  •         Non è possibile utilizzare la card per giochi vari che, prevedono vincite in denaro;
  •         Non è possibile effettuare prelievi superiori le somme previste, non è possibile effettuare prelievi all’estero, fare acquisti on-line ed all’estero;
  •         La carta non prevede alcun estratto conto, tuttavia è possibile controllare gli importi presenti sulla card, in maniera totalmente elettronica presso le specifiche postazioni;
  •         In caso di smarrimento della carta, il beneficiario ha a disposizione un numero verde da chiamare tempestivamente, per rendere noto lo smarrimento della card reddito di cittadinanza.

Card RdC: attenzione alle somme non spese

L’importo presente sulla card deve essere speso tutto nel mese corrente. Infatti, le somme di denaro non spese, saranno tagliate del 20%.

Per meglio capire il meccanismo, ipotizziamo un importo di 500 euro: di questi, 100 euro non vengono spesi nel mese corrente (nei tempi previsti). In questo caso, l’importo in denaro relativo al mese successivo, sarà diminuito di 20 euro (che è il 20% di 100). Quindi è importante cercare di spendere mese dopo mese tutta la somma in denaro presente sulla card reddito di cittadinanza.

Esiste anche un’agevolazione sulle utenze elettriche, è il bonus elettrico previsto nel reddito di cittadinanza per le famiglie economicamente svantaggiate. Gli sconti sono calcolati dall’Autorità di erogazione di energia e mira alla riduzione della spesa media del 30%.

Ricordate che anche chi ha partita iva puoi richiedere il reddito di cittadinanza ove sussistano i requisiti, per saperne di più contattaci attraverso il form qui sotto!

Siamo a tua disposizione, entra in contatto con noi!

7 + 6 =

Congedo Parentale INPS

Congedo Parentale INPS, cos'è? ll congedo parentale INPS è un periodo di astensione dall’attività lavorativa che si aggiunge a quello obbligatorio di 5 mesi (di cui 2 prima del parto e 3 post), per il quale spetta una copertura economica a carico dell’INPS...

Diritti mamma lavoratrice

Diritti mamma lavoratrice, esistono davvero nel nostro Paese? I diritti mamma lavoratrice sono un tema molto serio. Le neo-mamme ogni anno sono 458 mila e nasce spontanea la domanda: secondo voi questa nostra Italia è un Paese fatto per Maternità e Madri?...