Bonus Mobilità Bici

Bonus mobilità bici o bonus bici 2020: stabilita la data del 3 novembre 2020 per richiedere il bonus per la bici. Parliamo del famoso bonus dal valore di 500 euro, voluto dal Ministero dell’Ambiente per i cittadini italiani che hanno comprato una bici o un monopattino.

A partire dal 3 novembre infatti chi per primo “atterrerà” con la fattura caricata sul sistema predisposto per questo bonus, potrà ottenere il beneficio. Il buono mobilità è un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a euro 500 per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad es. monopattini, hoverboard e segway) ovvero per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture. 

Mobilità 

Se hai la fattura di acquisto o documento commerciale valido, ricordati di caricarlo sul portale, sarà infatti il numero di protocollo di inserimento della fattura ad essere considerato per ricevere il bonus. Non la data della fattura di acquisto 

 

Ti diamo 3 importanti suggerimenti per arrivare al Click Day preparato/a:

  • attiva prima del 3 novembre prossimo un’ identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) se non già in possesso; 
  • scannerizza il documento di acquisto intestato a proprio nome (fattura o scontrino parlante) e trasformalo in un documento in formato pdf;
  • prepara in evidenza le tue coordinate bancarie per ricevere il rimborso.

I fondi stanziati dal Governo italiano per il bonus bici 2020, passano dall’iniziale stanziamento di 120 milioni di euro a 210 milioni, al fine di coprire, secondo le stime elaborate da Confindustria Ancma, quasi 700 mila richieste da parte dei cittadini italiani.

Ecco nel dettaglio i requisiti necessari per potervi accedere, le scadenze e le procedure per effettuare la domanda.

 

Bonus bici a chi spetta 

Possono usufruire del buono mobilità per l’anno 2020 i maggiorenni che hanno la residenza (e non il domicilio) nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50.000 abitanti), nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50.000 abitanti), nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti). 

Queste ultime sono 14: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. L’elenco dei Comuni appartenenti alle suddette Città metropolitane è consultabile sui relativi siti istituzionali. Per la popolazione dei Comuni si fa riferimento alla banca dati Istat relativa al 1 gennaio 2019.

 

Come funziona il bonus bici

Il buono mobilità può essere fruito utilizzando la piattaforma predisposta dal Ministero dell’ambiente accessibile, anche dal sito istituzionale del Ministero dell’ambiente, 

  • a partire dal 19 ottobre per gli esercenti 
  • dal 3 novembre per i consumatori. 

Per accedere all’applicazione è necessario disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). 

 

L’erogazione del Bonus motilità è suddiviso in due fasi

Fase 1 (dal 4 maggio 2020 fino 2 novembre e non oltre il 31 dicembre 2020) è previsto il rimborso al beneficiario.

Per ottenere il contributo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (fattura o altra documentazione commerciale valida ai fini fiscali di cui al D.M. 7 dicembre 2016, pubblicato nella GURI del 29 dicembre 2016, n. 303) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web. In questa fase puoi acquistare la bici o il veicolo per la mobilità personale in qualsiasi negozio. Basta che venga rilasciata la fattura o altra documentazione commerciale, sia del negoziante fisico che online.

Fase 2 (dal 3 novembre): è previsto lo sconto diretto da parte del fornitore del bene/servizio richiesto, sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web.

Gli interessati dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare il bene o godere del servizio individuato. Si pagherà al negoziante il 40% del valore acquistato. Sarà poi l’esercente a riscuotere il buono del 60%, nei limiti delle risorse disponibili. 

Quindi l’acquisto potrà essere fatto solo presso l’esercente che si sarà registrato sulla piattaforma. Sul sito del Ministero dell’Ambiente sarà pubblicato l’elenco di tutti i negozianti aderenti all’iniziativa, sia quelli fisici che online.

 

Bonus mobilità 2021

Se non ti interessa acquistare una bici, o altro mezzo ammesso al bonus mobilità, entro il 31 dicembre 2020, ci sarà dal 2021 un bonus mobilità rottamazione, utilizzabile solo per l’acquisto di un nuovo mezzo rottamando il vecchio. Tale buono potrà essere usato anche da chi ha usufruito del bonus bici nel 2020. 

I buoni mobilità potranno essere spesi entro il 31 dicembre 2024 e riguarda le rottamazioni già effettuate dal 15 ottobre 2019 entro il 18 maggio 2020 e quelle che si effettueranno a partire dal 1 gennaio 2021 fino al 31 dicembre 2021.

Il bonus potrà essere richiesto a partire dal 1 gennaio 2021 attraverso un’applicazione web. I veicoli la cui rottamazione dà diritto al bonus sono le autovetture fino alla classe Euro3 o motocicli fino alla classe Euro2 ed Euro3 a due tempi.

Hai già verificato a quali bonus/premialità/indennità hai diritto?

rc auto familiare 2020

rc auto familiare 2020

Rc Auto familiare (o Bonus Malus Familiare) dal 16 Febbraio permette di risparmiare sulla polizza auto! Infatti in base alla recente modifica dell’art. 134 del Codice delle assicurazioni (CAP), l’estensione dei requisiti della Legge Bersani ha portato...

Bonus dispositivo anti abbandono

Bonus dispositivo anti abbandono

Il bonus dispositivo anti abbandono, ovvero il rimborso/contributo per l'acquisto di dispositivi anti abbandono resi obbligatori dal 6 marzo 2020, è stato firmato da Paola De Micheli, ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti. Tieni bene a mente questa...

Congedo di paternità 2020

Congedo di paternità 2020

Congedo di Paternità obbligatorio INPS 2020 Con la Legge di Bilancio 2020 è stato modificato il Congedo di Paternità per i padri lavoratori dipendenti che passa dai 5 giorni del 2019 ai 7 per tutto l’anno 2020. Il congedo obbligatorio di 7 giorni spetta...