Assegno ponte lavoratore autonomo o disoccupato

Assegno ponte lavoratore autonomo o disoccupato diventa realtà, ecco la misura transitoria “ponte” per l’Assegno Unico. Lo ha stabilito il Consiglio dei Ministri del 4 giugno 2021 rendendo operativa nell’immediato l’erogazione dell’assegno per autonomi e disoccupati che non hanno accesso agli assegni familiari. Una fase transitoria che getta le basi per l’avvio della misura che entrerà a pieno regime dal 2022.

Vediamo come funzione la misura ponte.

 

A chi spetta Assegno ponte?

La misura riconosce un assegno mensile, appunto l’assegno ponte, per:

  • ciascun figlio minorenne a carico, a decorrere dal settimo mese di gravidanza, con maggiorazione per i figli successivi al secondo;

     

  • ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento del ventunesimo anno di età, in caso di frequenza di un percorso di formazione scolastica o professionale, di un corso di laurea, o di svolgimento di un tirocinio ovvero di un’attività lavorativa limitata con reddito complessivo inferiore a un determinato importo annuale. In questo caso il figlio deve essere registrato come disoccupato e in cerca di lavoro presso un centro per l’impiego o un’agenzia per il lavoro o svolga il servizio civile universale;

     

  • alle madri di età inferiore a 21 anni;

     

  • ciascun figlio con disabilità, anche maggiorenne finché a carico.

 

Quali sono i requisiti dei beneficiari?

In prima battuta è previsto assegno ponte per lavoratori autonomo o disoccupati, se in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;

     

  • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;

     

  • essere residente e domiciliato con i figli a carico in Italia per la durata del beneficio;

     

  • essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno biennale;

 

IMPORTANTE

Per accedere as assegno ponte per lavoratori autonomi o disoccupati, il nucleo familiare del richiedente deve essere in possesso di un ISEE inferiore a 50.000 euro annui.

 

L’assegno viene corrisposto per ciascun figlio minore in base al numero dei figli stessi e alla situazione economica della famiglia attestata da ISEE; in particolare, gli importi risultano decrescenti al crescere del livello dell’ISEE.

 

Qual è l’Importo spettante di Assegno Ponte per lavoratori autonomi o disoccupati?

Ai beneficiari della misura ponte sarà erogato un importo che varierà a seconda del valore ISEE dichiarato dal nucleo familiare e della composizione del nucleo familiare. Gli importi attesi vanno da 50 a 217,80 euro (importo spettante in caso di ISEE inferiore a 7.000 euro e 3 figli minori).

 

Per chi ha due o più figli?

Se nel nucleo sono presenti più di due figli, l’importo unitario per ciascun figlio minore viene maggiorato del 30% e per ciascun figlio minore con disabilità, inoltre, gli importi sono maggiorati di 50 euro. Il beneficio medio riferibile alla misura per il periodo che va dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2021 è pari a 1.056 euro per nucleo e 674 euro per figlio.

 

Esempio 

Con un ISEE fino a 7mila euro si avrà diritto a un assegno di 167,5 euro a figlio nei nuclei fino a 2 minori. Importo che sale a 217,8 euro con almeno tre figli.

Si dimezzano a 83,5 euro intorno ai 15 mila euro di ISEE. 

Calano a 30 euro al mese a figlio dai 40mila euro di ISEE fino a 50mila euro. Oltre, si azzerano.

Inoltre l’importo dell’assegno è sempre maggiorato di 50 euro in caso di figli disabili.

Il beneficio spetta a decorrere dal mese di presentazione della domanda stessa. 

 

ATTENZIONE

  • L’assegno “ponte” e’ compatibile con il Reddito di cittadinanza e con la fruizione di eventuali altre misure in denaro a favore dei figli a carico erogate dalle Regioni e dai Comuni.

     

  • L’assegno viene ripartito  in pari misura tra i genitori ovvero, in loro assenza, è assegnato a chi esercita la responsabilità genitoriale. In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, l’assegno spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. Nel caso di affidamento congiunto o condiviso l’assegno, in mancanza di accordo, è ripartito in pari misura tra i genitori.

 

Incremento ANF per lavoratori dipendenti

Già dal mese di luglio 2021 saranno aumentati gli importi spettanti a titolo di ANF ai lavoratori subordinati. Su base mensile l’incremento stimato è pari a:

  • 35,7 euro al mese per ciascun figlio (fino a due figli)
  • 55 euro per ciascun figlio (da tre figli in su).

 

Qual è la procedura di richiesta per Assegno Ponte per lavoratori autonomi o disoccupati?

Le domande dovranno essere presentate telematicamente secondo le indicazioni che saranno dettate dall’INPS entro il 30 giugno 2021.

In data 29/09/2021 INPS ha prorogato la possibilità di richiedere l’Assegno temporaneo fino al 31 ottobre 2021. 
Segnaliamo che i nuclei familiari che non hanno diritto agli ANF e hanno un ISEE in corso di validità inferiore a 50.000 Euro possono fare richiesta dell’assegno temporaneo.
LA DOMANDA DEVE ESSERE INOLTRATA ENTRO IL 31/10/2021 per ricevere anche gli arretrati dal 1/07/2021.
Per poter avere accesso alla prestazione è obbligatorio essere in possesso di attestazione isee in corso di validità.

L’importo percepito a titolo di assegno unico e universale non viene computato come reddito ai fini della richiesta e delle prestazioni sociali agevolate, dei trattamenti assistenziali e di altri benefìci e prestazioni sociali previsti da altre norme in favore dei figli con disabilità. Parimenti, le borse lavoro volte all’inclusione o all’avvicinamento in attività lavorative di persone con disabilità non sono considerate ai fini dell’accesso all’assegno.

L’assegno non concorre a formare la base imponibile dell’Irpef.

Hai già verificato a quali bonus/premialità/indennità hai diritto?

Perdere la Naspi

Perdere la Naspi

Perdere la NaspiPerdere la Naspi: questo il tema su cui molte utenti ci chiedono di fare chiarezza.Molte mamme che hanno richiesto la Naspi, ci chiedono infatti se sia vero che non si ha più diritto alla Naspi se non si accetta di partecipare alle...

Pin INPS dismesso

Pin INPS dismesso

Pin INPS dismessoPin INPS dismesso: già da ottobre 2020 ci stiamo congedando da Pin INPS per passare in modo definitivo allo Spid (il sistema pubblico di identità digitale). È stato lo stesso Istituto a comunicarlo con la circolare 87 del 17 luglio 2020....